Orari di apertura

Lun - Sab: 7:00 - 21:00

Scoperta verso il 1829 da Reichenbach nel catrame di legno prodotta per la prima volta nel 1830, la paraffina esiste anche allo stato naturale. La paraffina è il nome corrente dato ad una miscela di idrocarburi solidi, in prevalenza alcani, le cui molecole presentano catene con più di 20 atomi di carbonio. È ricavata dal petrolio e si presenta come una massa cerosa, biancastra, insolubile in acqua e negli acidi. I suoi impieghi sono vari; vengono anche usati nella produzione di cosmetici e oli. La parafina è una cera minerale, capace di immagazzinare molto calore e poi rilasciarlo lentamente. Per questa sua proprietà viene utilizzata in questo speciale trattamento.
Le mani o i piedi o altre zone vengono immersi in un bagno di parafina calda ricevendo che fin da subito da una sensazione di benessere e rilassamento. Il contatto dura diversi minuti così da rilasciare lentamente il calore accumulato ed attivare i suoi benefici effetti.

Benefici del trattamento alla parafina

La cera rende la pelle più morbida ed elastica, senza arrossamenti e screpolature. La parafina infatti elimina gli indurimenti, idrata la cute e ammorbidisce le cuticole. Rinforza anche le unghie.
Allarga i pori e quindi rende molto più efficace l’assorbimento di qualsiasi lozione o maschera venga poi applicata. l’effetto del calore stimola la circolazione sanguigna, combatte l’indurimento dei muscoli (e, per le mani più anziani, anche l’artrite ), quindi è indicata per le pelli a cui vengono applicati trattamenti preventivi anti-age. Migliora l’elasticità dei tessuti connettivi, sollecitando la circolazione favorisce il maggior apporto di sostanze nutritive e una più rapida eliminazione delle scorie metaboliche, ha effetto antalgico dato dalla rimozione di sostanze (istamina, acido lattico ecc.) e l’innalzamento della soglia del dolore. La Paraffinoterapia è indicata per edemi ridotti, infiammazioni o flogosi, postumi di traumi, artrosi, artrite reumatoide, patologie infiammatorie reumatiche in genere, condropatie.

Controindicazioni

Non è adatta alle donne in gravidanza o durante l’allattamento ed è sconsigliata anche per chi soffre di ipertensione, disturbi della circolazione o ha riportato dei vasti edemi. Non può essere inoltre applicata in presenza di ferite o piccoli tagli
Manicure e pedicure alla parafina: per chi? per tutti ?
No, non per tutti, ci sono alcuni aspetti collaterali, legati sopratutto al calore e ai suoi aspetti sulla circolazione.

Procedimento

Prima del trattamento andiamo a fare uno scrub . Quella che vedete nella foto è la “vasca”!
Si versa il composto al suo interno, si accende e si programma sulla temperatura preferita.
La paraffina per sprigionare il suo effetto benefico va scaldata.
Si immerge la mano o il piede o un altra zona al suo interno nel fornello scaldaparaffina e si estrae aspettando che la paraffina smetta di gocciolare, si ripete per 3/4 volte questo procedimento. La paraffina aderisce alla mano o al piede o viso o corpo formando uno strato solido; inserire subito la parte trattata in un sacchetto di nylon per mantenere la temperatura della paraffina e coprite con un guanto termico o di spugna per mantenere il calore ancora più a lungo. Dopo 15 minuti circa si estrae la zona trattata dal guanto e dal sacchetto di nylon e si rimuove lo strato di paraffina poi si procede con un massaggio con una crema finale. Può essere fatta in caso di cura anche 8/10 volte di seguito una volta al giorno, poi aspettare il mese sucessivo.